viaggi della speranza

Sono approdata ieri in terre italiche dopo un viaggio di circa 7 ore.

Sebbene sia stato lungo é filato tutto liscio come l’olio: sono scesa dall’aereo, sono salita immediatamente sul bus e da li ho preso quasi subito il treno. Tutto puntuale e nessuna lunga attesa.

Purtroppo giusto due giorni prima, forse per lo stress, mi era uscita una ciste in un’area parecchio delicata, e i sedili in legno di faggio dell’aereo non hanno aiutato granché a ridurre l’infiammazione.

In pratica sono arrivata a casa zoppa, con le scintille tra le gambe a ogni passo.

Grazie al cielo -ma soprattutto grazie ai farmaci da banco- sono riuscita ugualmente a cenare fuori e a passare una bella serata, culminata con l’esplosione della palla purulenta con relativo schifo e sollievo.

Questo mio rientro in Italia é stato un po’ improvvisato: Ho trovato un volo un po’meno caro rispetto agli altri voli di agosto e ho preso il volo neanche due settimane fa. Son pure riuscita a farmi dare un paio di giorni liberi extra, e per i restanti lavoro in remoto.

Ho trasportato il portatile del lavoro manco avessi una valigetta con organi per trapianti ma viaggiare senza scontare ferie non ha prezzo 🙂

Per quanto riguarda la situa in generale, le cose van cosí:

  • La famiglia di P. sta attraversando l’ennesima crisi. Tutti i suoi parenti più prossimi hanno l’abilitá di prendere le decisioni più degne e meritorie del mongolino d’oro in ogni ambito della vita, ignorando qualsiasi consiglio sensato. Poi succedono i casini e chiamano lui per risolvere la matassa, facendo leva sui sensi di colpa. Sono piuttosto furente, ma l’essere in viaggio mi sta aiutando a staccare.
  • Tra un mese circa scade il periodo di prova al lavoro. Dita incrociate, mi trovo bene e spero mi tengano.
  • Ho già detto che mi piace un botto il lavoro? Tra le altre cose ho tantissimi giorni liberi extra, colleghi adorabili e un botto di giorni di smartworking.
  • Ho smesso di fare aerobica da un botto 😦 il caldo afoso e la pigrizia generale hanno avuto la meglio, ma spero di riprendere prossimamente, magari approfittando del clima più decente che c’é qui.

Besos! Deli 🙂

3 pensieri riguardo “viaggi della speranza

  1. ben ritrovata, ogni tanto ci si legge! Incrocio le dita per il tuo lavoro, mi fa piacere che questa volta il lavoro ti coinvolga positivamente, ricordo tempo da quando ti lamentavi per il vecchio lavoro. Ma se in Italia in questi giorni? Anche qua ha fatto un caldo a dir poco pazzesco, ora sono un paio di giorni che si respira, diciamo che la fase peggiore sembra essere passata, un caro abbraccio, buon Ferragosto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...